16 Scorpiontreffen - Black scorpions
9-10-11 Luglio 2004 - S.Severino Marche
Foto by Dragon Cronaca by Dragon e Gatta

Faccio una premessa non sono buono a scrivere quindi vi dovete accontentare.

Era un po’ di tempo che meditavo di andare al raduno dei Black Scorpions, visto che negli anni passati non mi è stato mai possibile perché la loro data di solito coincideva con quella del mio raduno, trovata la compagnia di Felicione Mammut e del nuovo arrivato Koko77 quest’anno si PARTE!!!!!!

Partenza da San Martino V.C. (AV) verso le 15.00 si decide di fare tappa ogni 150 km causa la poca capienza del serbatoio di Koko, prima tappa Termoli pieno caffettino e ci rendiamo conto ke nessuno di noi ha la minima idea di dove si trovi San Severino Marche, quindi si telefona a Dino che ci dice di uscire a Civitanova Marche e poi chiedere info, ok si riparte.

In autostrada:

Dragon: Giulianova era questa l’uscita??
Felice Mammut: Bho!!!
Dragon: Meglio richiamare Dino
O’Fotografo: NOOO!!! E’ CIVITANOVA
Dragon: ok ok capito J

Dopo qualche altra peripezia finalmente arriviamodai Black Scorpions, il raduno si svolge in un campo sportivo sito su un colle con l’area camping tutta intorno.

Nel raduno abbiamo incontrato le solite brutte facce, i Masters, Miccia, Didi, Anto, Barbaraggiano (che era un po’ che non lo vedevo), Mauri, Il Poeta, La Gatta, Emiliano, Sonika, ecc. ecc. e quindi che festa sia!!!!!!

 

Domenica partenza di buon ora e via spediti verso casa costeggiando il mare adriatico fino a Termoli dove ci attendeva Asmodeo per offrirci un caffettino, una mezz’oretta di chiacchere e di nuovo in marcia per gli ultimi 150 km.

Che dire un bel viaggio un bel raduno una bellissima compagnia, un altro W-E speso bene.

Dragon

Una volta tanto all’appuntamento concordato ci eravamo tutti e più o meno puntuali Emiliano, BuffaloBiker e Marinella, Miki lee, Cane Pazzo, Valentino e Paperino.

Benzina, sigarette, controllo gomme, controllo olio (per me :o( ... ) e si decide la strada da fare autostrada fino ad Orte e poi tutta Flaminia.

Emiliano: “fino a na certa la strada me la ricordo...” Paperino: “... la so io!” Ok vamossssss...

Splendida strada la Flaminia paesaggisticamente certo ma anche le curvette sono gagliarde!!

Ci imbattiamo in Sancho dei Masters e Federica, fermi sul ciglio della strada ad attendere Piro e Sonika che avevano, per errore, preso un’altra direzione. Obbligatoria la sosta di rifornimento... di birra! Riprendiamo la strada lasciandoli li tanto ci ribecchiamo su.

Paperino la strada la sapeva... ma per andare da un’altra parte! eh eh eh e gira che ti rigira alla fine gliela abbiamo fatta e arriviamo dagli Scorpions accolti da Primo con della buona vernaccia e i suoi poderosi abbracci.
Circondati da campi di girasole ci immergiamo nella festa. Fra i tanti amici ecco i Masters al gran completo... oh c’è anche Sancho... il quale “ovviamente” è arrivato prima di noi e “ovviamente” al suo arrivo a trovato Piro che a sua volta è arrivato prima di lui... ah ah ah che ridere.

E la notte passa così... tra un sorso di varnelli, pacche sulle spalle, tantissime risate e la familiare bellissima sensazione che nasce dalla serenità di essere fra amici... fra fratelli

Sulla strada del ritorno, l’indomani, all’altezza di Spoleto siamo stati attratti da una misteriosa forza come un’enorme calamita che ci ha trascinato fino alla Trattoria del Pecchiarda il quale ci attendeva minaccioso “vediamo se riuscite ad alzarvi da tavola stavolta!” Tocca riconoscere che stavolta ha vinto lui... non ce l’abbiamo fatta neanche a prendere il secondo... ;o))))))

Mentre si pranzava è arrivato un temporale che ci ha impedito di sbragarci sull prato del Pecchiarda come di consueto ... però per fortuna ha smesso per permetterci di riprendere la strada verso casa.

lagatta